PERCHÈ DONARE IL SANGUE?

QUANDO una mattina verrai preso dal desiderio irrefrenabile di contribuire ad alleviare uno dei bisogni primari della generazione umana,
QUANDO vorrai dimostrare a te stesso che esisti perché esistere significa realizzare qualcosa per gli altri,
QUANDO
ti vorrai sentire appagato dalla certezza che senza il tuo gesto il mondo sarebbe più scuro, meno umano [continua]

Numero Telefono 0577/920169

DONAZIONI 2011 - 31/12/2011

Pur nelle difficoltà, derivanti dalla situazione economica del paese, che contribuiscono a frenare i consumi e quindi, pur se solo di riflesso, anche le azioni benefiche, abbiamo mantenuto lo standard del 2010 con 835 donazioni effettuate.

Anche solamente con un piccolo sforzo potremmo aumentare le quantità di sangue donato ma purtroppo dobbiamo confrontarci con realtà che considerano il nostro gesto quasi un obbligo, una scocciatura; certo con noi il rapporto non può e non deve essere tra fornitore ed acquirente, siamo convinti di svolgere un dovere morale non una cessione di beni a pagamento.

Se tutte le azioni messe in essere dalle strutture negli ultimi anni avessero avuto un tenore di collaborazione, magari anche di gratitudine verso il donatore, sicuramente avremmo meno difficoltà nell'aumentare le donazioni.

Ovviamente quanto detto non deve essere inteso come una spinta all'abbassamento degli standard di sicurezza ma è chiaro che se continuiamo a respingere i donatori per valori pressori  appena al di sotto del limite, se non giustifichiamo la loro assenza lavorativa, se ci formaliziamo in cento cavilli, se li mandiamo a pagare il tiket per ogni piccola analisi supplementare, diamo ad intendere che, come forse è la realtà della nostra ASL e della nostra regione, di sangue ne abbiamo già abbastanza.

Scusandomi per lo sfogo, derivante dalle parole che raccolgo nei contatti con i donatori, auguro a tutti un felice 2012, con la speranza che si torni ad umanizzare il gesto che è la base della nostra associazione.

                                           Alessandro Scalabrini

 

Scarica documento